Nastri di partenza

Mentre, a quanto pare, l’avventura di Tondo comincia con i malumori di Silvio Berlusconi per l’appoggio che il deputato carnico riceverà dall’UDC, ecco le "ultime" sui nastri di partenza nel collegio pordenonese.


Partito Democratico

Dovrebbero essere candidati i Consiglieri uscenti Gianfranco Moretton e Daniele Gerolin (ex Margherita); Nevio Alzetta e Paolo Pupulin (ex DS); Debora Del Basso e la sanvitese Paola Galante (area DS); la sacilese Daniela Pillon e la pasianese Monica Pase (area Margherita).

Dall’area delle "civiche" provengono Vincenzo Romor (il Fiume) e Francesca Cardin (Vivo Pordenone).

Restano dunque da definire alcune candidature, quelle più "deboli" (ma spesso utili, soprattutto per drenare voti a concorrenti…).

L’elemento evidente è che i quattro "big" uscenti hanno di fatto blindato la loro posizione, disponendo di un bacino di voti potenziali molto superiore rispetto a quello delle altre candidate che vengono proposte dalle aree DS e Margherita.

Inoltre, si profila un derby pordenonese tra i due civici, Cardin e Romor. Un derby che lascerà sicuramente qualche strascico, anche perché le civiche nel capoluogo contano parecchio,e questa lotta non sarà indolore; un derby che in qualche modo appare rendere più solide le posizioni dei quattro consiglieri uscenti.


Sinistra arcobaleno

La discussione è in pieno fermento, anche per la vivace contrapposizione interna che si registra nella componente di Rifondazione, nella quale i due uomini forti -ma in rotta di collisione- sono Michele Negro e il consigliere uscente Pio De Angelis. Inoltre, premono ( creando, per ragioni diverse, altre questioni) le figure dell’ex segretario regionale della Cgil Ruben Colussi e quella del sindaco di Budoia Antonio Zambon.

Da Pordenone giungono le candidature di Monia Giacomini ed Orazio Cantiello, entrambi consiglieri comunali; Cantiello, che si presenterà come indipendente, si sposta così a sinistra, essendosi speso, nell’estate-autunno, per il PD (era stato eletto all’Assemblea Regionale nella lista pro-Moretton).


Italia Dei Valori-

I dipietristi, che puntano, magari con i resti, ad eleggere un Consigliere regionale, hanno i loro punti di riferimento nell’inossidabile Anilo Castellarin e nel giovane consigliere comunale pordenonese Alessandro Corazza.


Cittadini per il Presidente

Paolo Panontin e Piero Colussi, consiglieri regionali uscenti, puntano ad una riconferma che le aspettative di risultato indicano come difficile; più probabile possa scattare il meccanismo del resto, che premierebbe dunque tra i due quello col miglior risultato.

 

Forza Italia-

Elio De Anna, Antonio Pedicini, Paolo Santin, CLaudio Filipuzzi, Ermes Moras, Martina Corazza, Luisa Nocent e Santa Zannier, con i primi tre attesi ai migliori risultati in termini di preferenze, sono i candidati che appaiono certi. Probabile anche Franco Dal Mas, da definire la posizione di Corrado Della Mattia. L’abbondanza di potenziali "big" crea sicuramente qualche problema di "formazione".


Lega Nord-

Edouard Ballaman, l’ex questore della Camera, ed il sindaco di Azzano Decimo Bortolotti appaiono i candidati in prima fila.


Alleanza Nazionale-

Luca Ciriani, Elena Coiro, Lavinia Corona e Pierandrea Parigi sembrano i nomi (alcuni dei quali con antico pedigree) certi al momento.

Per inquadrare tutto nel contesto regionale, guardate anche i nostri amici di bora.la qui.

Annunci

0 Responses to “Nastri di partenza”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Aggiornamenti Twitter

Flickr Photos

Blog Stats

  • 497 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: