Temi politici della campagna elettorale: giochi fatti

In attesa delle boutades mediatiche degli ultimi giorni, Polisnaonis può serenamente dire che la campagna elettorale è finita, per quel che riguarda i suoi contenuti politici. Concentrando l’attenzione sull’oggetto stesso del blog, Polisnaonis fa quindi le sue considerazioni.

Dei due contendenti regionali, Illy ha impiantato la sua campagna elettorale secondo una modalità che finora è stata coerentemente seguita, e le cui mosse fondamentali sono state giocate molto presto. Presentato il programma a fine febbraio, fatto l’accordo per la candidatura di Honsell a Udine, il tema centrale è stata una declinazione del motto "la Regione della conoscenza" in termini che abbiamo già definito ascetici. Una comunicazione al limite della voluta afasia, centrata sulla proposizione del Governatore uscente come "oggetto del desiderio". Il sito web  ha preso di conseguenza le movenze di una secca fotocronaca degli incontri di Riccardo Illy, molto algida e istituzionale. La Regione promessa, in definitiva, vuole essere internazionale e colta, e affida molto delle proprie possibilità di successo al riconoscimento di un autonomismo (quello friulano) declinato in termini moderni.

Renzo Tondo è partito più in ritardo, con una compagine sicuramente meno coesa, con un programma più frammentario e composito; dopo aver proceduto a tentoni, prima di Pasqua il deputato carnico ha trovato un "taglio" alla propria comunicazione, che è quello amicale: incontri a profluvio, foto in mezzo a parecchie persone, messaggi rassicuranti e grande risalto alla propria presenza mediatica. Lo slogan che si è fatto strada rende ragione di tutto questo ("Il presidente dei cittadini"). I temi polemici sono stati più forti nei primi giorni, probabilmente ritorneranno a presentarsi nei prossimi.

Passiamo alla corsa per un posto in Consiglio. I candidati naoniani si sono mossi nella ricerca del consenso con le classiche modalità degli incontri pubblici e degli incontri con gruppi e associazioni. Parecchi di loro si sono dati delle presenze sul web, quasi tutte molto istituzionali; solo Orazio Cantiello, Luca Ciriani, Francesca Cardin e Vincenzo Romor (con più esitazioni Paolo Pupulin e Nevio Alzetta) hanno messo anche una nota "personale" di tipo più specificamente blogghistico.

A questo punto, Polisnaonis ritiene di non seguire più il versante mediatico, salvo naturalmente colpi di scena. Vogliamo ora dare spazio alle risposte alle "cinque domande" e raccontare storie dal territorio che contribuiscano ad interpretare l’"agenda" politica. 

Annunci

0 Responses to “Temi politici della campagna elettorale: giochi fatti”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Aggiornamenti Twitter

Flickr Photos

Blog Stats

  • 499 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: