Archive for the 'Informazione e Trasparenza' Category

La bolla finanziaria

La crisi finanziara? Te la spiega Polisnaonis con questo cartoon

piccolo punto della situazione

Prima di dedicarci a qualche riflessione sulle risposte che sei gentili candidati naoniani hanno voluto dare alle nostre domande, facciamo un’ultima (salvo pirotecniche novità) considerazione sulla gestione comunicativa di queste giornate da parte dei due candidati alla Presidenza della Regione.

La campagna per le regionali spende le sue ultime giornate, mediaticamente, lungo il piano inclinato dell’accresciuto livore degli attacchi di Tondo ad Illy: basta prendere gli ultimi cinque post del sito del deputato carnico e saggiarne lessico e sintassi, confrontandoli con quelli delle due settimane precedenti, per averne chiara manifestazione. Sul piano comunicativo, Tondo sconta in questi giorni almeno due notevoli problemi "strutturali" della campagna elettorale che si è trovato a condurre, cioè il ritardo iniziale nella scelta della sua candidatura ed un programma scritto in fretta e con parecchie lacune, con scarsi elementi per dare peso politico ai propri argomenti.

Dall’altra parte, Illy, che (come abbiamo scritto più volte) non ha dato l’impressione di aver condotto una campagna elettorale al massimo delle sue forze, incassa in questi giorni dichiarazioni di voto eccellenti da storici esponenti della parte avversa: senza contare il peso dell’uscita di Alessandra Guerra di domenica (sulla quale il sito di Tondo palesa un fragoroso silenzio), si veda oggi, sul Messaggero, la dichiarazione di Corrado Della Mattia, che poco meno di due mesi fa si era dimesso (cosa poi rientrata) da Sindaco di San Quirino per candidarsi nelle file del PdL.

cinque domande: hanno risposto…

Hanno risposto alle nostre cinque domande: Nevio Alzetta (PD), Orazio Cantiello (Sinistra arcobaleno), Alessandro Corazza (IdV),Vincenzo Romor (Pd), Elena Coiro (PdL) e Sara Rocutto (Sinistra arcobaleno). Primo in ordine di tempo, Alzetta; ci piace sottolineare che Elena Coiro e Sara Rocutto non hanno un blog, e che di quest’ultima Polisnaonis non conosceva la mail…pertanto è stata Sara a venire a noi!

Grazie a tutti, anzitutto: crediamo che, al di là del colore politico e delle opinioni personali, non sia lontano il giorno in cui, in un orizzonte di partecipazione e cittadinanza politica più convinto delle potenzialità del web, voi direte "io l’ho capito prima".

Ora Polisnaonis impaginerà le vostre risposte, per consentire ai lettori di confrontarle. E grazie ancora.

P.S. Polisnaonis non se la sente di commentare i faccia-a-faccia televisivi Illy-Tondo, per le ragioni che abbiamo già espresso: cerchiamo roba nuova, adesso, non la ripetizione, ad uso del grande schermo, delle linee più generali di argomenti sui quali abbiamo già scritto.

Credere o non credere (nella rete)

Collegandosi al sito dei Cittadini per il presidente notiamo che nel gruppo è ancora citato Carlo Monai, che però, anche da questo video, pare confermi della sua avvenuta “migrazione” nella lista dell’Italia dei Valori.

Ora, poiché ci troviamo in campagna elettorale (ma anche se non lo fossimo) e che le informazioni per i cittadini (non solo quelli “per il presidente”) sono estremamente importanti, chiedere di inserire almeno una postilla che Carlo Monai non fa più parte della lista “Cittadini per il presidente” è chiedere troppo?

Forse, però, questa “dimenticanza” dimostra anche quanto, la politica, non creda ancora con sufficiente convinzione nella rete e nella sua capacità di controllo e di informazione.

Cinque domande: arrivano le prime risposte

I candidati naoniani cominciano ad inviare le loro risposte alla nostra iniziativa "cinque domande". E’ giusto segnalare che il primo, in ordine di tempo, è Nevio Alzetta.

Cinque domande (e tre preferenze amene)

Death12

Nello spirito dell’"agenda politica" di cui si è fatto sostenitore Luca De Biase soprattutto, Polisnaonis propone ai candidati pordenonesi in Consiglio regionale di rispondere a cinque domande su temi centrali, appunto, dell’"agenda politica".
La regola è questa: invieremo le domande che di seguito riportiamo a tutti candidati presenti sul Web o di cui ci sia disponibile l’indirizzo di posta elettronica (segnalazioni sono gradite), dando a loro, da oggi, 7 giorni di tempo per rispondere. Il 3 aprile raccoglieremo le risposte ricevute e le pubblicheremo, mettendole a confronto, su questo blog. Crediamo di fare, come si dice, un servizio utile, e contiamo sulla partecipazione dei candidati.
Ecco dunque le cinque domande:
1) Quali sono le tre priorità ambientali sul territorio e come le affronteresti?
2) Quali sono le prospettive di formazione, istruzione e università  sul territorio e quali sono i primi tre interventi che proporresti?
3) Quali sono le tre priorità del settore sociale sul territorio e come le affronteresti? 
4) Viabilità e infrastrutture: quali sono le tre priorità?
5) Quale scenario vedi per il "sistema Pordenone" di qui a dieci anni?
In aggiunta, tre quesiti "ameni":indicaci…
1) il tuo film preferito
2) il tuo libro preferito
3) il tuo Cd musicale preferito.
All’opera, nostri eroi, e fateci sognare!

Comunicazione e ascetismo

Come avevamo notato qualche post fa, sul suo sito Tondo pare aver virato nettamente verso la dimensione "amichevole" della propria comunicazione. Ecco dunque, negli ultimi giorni (contravvenendo, ed anche questo lo abbiamo rilevato, al silenzio pasquale autoimpostosi), una serie di post che si vogliono presentare come propositivi e partecipativi, culminati in quello di celebrazione del gran numero di visitatori al sito stesso. A conferma ulteriore, la serie di foto con Tondo in mezzo a persone che punteggiano i vari messaggi. Comunicare, comunicare, insomma: ed il messaggio, naturalmente, è Tondo stesso.

Per contro, il sito di Illy sembra attraversare una fase di stanchezza. Di fatto, ora esso è ridotto ad essenziale bollettino degli incontri del Governatore uscente, e le foto che (non sempre) accompagnano i post vedono al massimo Illy affiancato da un interlocutore. Diciamo che stiamo ancora attraversando il versante ascetico e nordeuropeo della Regione della conoscenza: ma, anche, che sarebbe ora del "sapere caldo" di provenzale, e mediterranea, memoria (magari, senz’andar lontano, di dare un’occhiata al sito di Tesini…).