Archive for the 'Uncategorized' Category

social networks e velocità delle istituzioni

Nel convegno pordenonese su "Interrnet quotidiano", l'Amministrazione comunale, nella persona dell'Assessore Giovanni Zanolin, glissando sul contenzioso aperto con la Regione, ha annunciato la ripresa del progetto su Internet gratis a Pordenone: i modi non sono stati del tutto definiti, ma è parso chiaro che il Comune punti a fornire prima un accesso domestico gratuito, poi a sviluppare il wireless nel corso del 2009. Rispetto alle discussioni aperte un anno fa con il progetto Wireless Naonis, molto meno spazio è stato lasciato al versante "social": insomma, l'Assessore ha detto che il Comune darà banda, e poi chi vuole e può metta i contenuti. 

In effetti, il modo diverso di declinare ed intendere l'aggettivo "social", che tanta parte è della vita attuale della Rete, è stata una costante del convegno. Un dato è apparso manifesto: le Istituzioni, siano esse politiche, accademiche o aziendali, viaggiano con forti cautele nei confronti delle nuove possibilità aggregative, identificative, conoscitive che la Rete offre. (Ci sottraiamo al coro che già immaginiamo levarsi, mettiamo le mani avanti e diciamo: no, non è questione d'età. Abbiate rispetto di noi splendidi quarantenni.)

Una riflessione, invece, articolata e "interrogante", anche se compressa dalle esigenze di tempo, sulle sfaccettature del fenomeno ce l'hanno offerta  Sergio Maistrello ed Enrico Maria Milic. Ecco qui, ad opera di uno dei Polisnaoniani, la ripresa integrale dei due interventi. Qui, invece, Sergio Maistrello propone le slides che hanno accompagnato il suo intervento.

Le domande finali che Milic si pone sono, a nostro sommesso modo di vedere, un utile modo per fare il punto sulla questione e le sue implicazioni possibili.

ripartiamo dalla cultura

Una bella e densa riflessione sui Festival culturali in Regione (che parte da Gorizia e Udine, ma tocca poi anche Pordenone) la fa oggi, Paolo Medeossi (finissimo e partecipe conoscitore dell’opera di Federico Tavan), sul Messaggero veneto.

Chi vuole, la legge qui:

Download articolo_medeossi.doc

espiare?

Dal Gazzettino (edizione di Pordenone) di sabato 19 aprile 2008, virgolettato delle dichiarazioni di Angioletto Tubaro  e Alessandro Ciriani):

«Quei sindaci, che ora stanno tenendo un singolare e strano silenzio, che hanno osannato e copiato il modello Illy. Chi è stato un sostenitore spudorato della scorsa giunta Illy oggi deve espiare».

Espiare?

nomina sunt consequentia rerum

Leggiamo sul Messaggero veneto di oggi questo articolo di Stefano Polzot:

MARTEDÌ, 22 APRILE 2008

La Papais ha convocato l’assemblea Vertice con Sonego ieri in Regione

Pd, costituita dai Ds l’area riformista Oggi l’analisi del voto

Alla vigilia dell’assemblea provinciale del Partito democratico, convocata per oggi dalla segreteria, Francesca Papais, al fine di analizzare l’esito del voto, si muovono le componenti interne al movimento. Sabato si è tenuta al ca cui si fa riferimento.

stello di Cosa la festa elettorale voluta da Gianfranco Moretton per ringraziare gli oltre 7 mila cittadini che lo hanno votato.
Un appuntamento non certo politico, ma che è stato l’occasione per fare il punto della situazione tra i fedelissimi del consigliere regionale che probabilmente diverrà capogruppo in consiglio del Partito democratico, visto l’alto numero di preferenze raccolte.
Ieri sera, invece, nella sede della Regione, riunione della componente riformista, ovvero l’area che faceva riferimento ai Democratici di sinistra. Presenti l’ex assessore regionale Lodovico Sonego, il rieletto consigliere Nevio Alzetta e Paolo Pupulin. Anche in questo caso l’obiettivo è quello di fare il punto della situazione, ma non si nasconde la volontà di mantenere organizzata l’area che faceva riferimento alla Quercia,
Non è un mistero che nell’organizzazione della campagna elettorale si è proceduto, salvo rare eccezioni, per componenti dando il segno che comunque esistono all’interno del Pd aree politiche di riferimento. Stesso ragionamento per le civiche che si riconoscono in Vivo Pordenone, di Alvaro Cardin, e nel Fiume di Sergio Bolzonello. (ste.pol.)

Che dire? Avremmo una proposta originale per i nomi da dare alle due simpatiche componenti.

Per i festeggiatori di Moretton…che ne direste di "Margherita"?

E per i "riformisti" come Sonego, Alzetta e Pupulin…andrebbe bene Ds?

Come dite? Sarebbero tutti del Pd?

Ah, davvero?

offline

Il sito di Riccardo Illy è da oggi offline. Sparito. Come se non ci fosse mai stato.

Sic transit gloria mundi. Agli esperti di comunicazione interpretare la scelta.

la forza del bello

Presidenti uscenti. Aspiranti presidenti. Cittadini per il Presidente, Presidente dei cittadini. Fautori della Regione della conoscenza, della intraprendenza, della luminescenza e della accondiscendenza. Autonomisti, immobiliaristi, friulofoni e anglofoni. Rimettiamo le idee nella giusta prospettiva, e andiamo a fare una gita di alto valore politico a questa mostra in una città della conoscenza (da parecchi secoli a questa parte).

piccolo consiglio non richiesto per aspiranti blogger

Blog

Tra le tante cose che la veloce proliferazione (come vedete anche dai link sulla destra) di siti/blog dei candidati naoniani suggerisce (ed il polisnaoniano bello e di maggior lignaggio blogghistico ha in serbo un nuovo e dettagliato articolo a riguardo), una subito la vogliamo dire, sotto forma di benevolo (davvero! c’è una componente buonista in Polisnaonis…) consiglio.
E’ per Nevio Alzetta e Paolo Pupulin: sono proprio troppo uguali i vostri blog/siti, per grafica e rubriche e impostazione! Cambiate qualcosa: si può! Avete preso un "dominio" con nome e cognome vostro, metteteci un po’ di anima (questa ultima parola è suggerita dalla componente cattolica di Polisnaonis)! E, a parte questo, non cancellate i post dei giorni passati: il blog è anche un luogo della memoria, che costruisce una narrazione progressiva. E fate vostro, dunque, il suggerimento di un famoso blogger italiano, che ha detto: “bloggare sigifica non dover mai dire mi spiace“.